Ultime notizie

ALVIGNANO, PER TELEFONARE E’ COME GIOCARE ALLA ROULETTE: COPERTURA MOBILE A MACCHIA DI LEOPARDO.I CITTADINI INSORGONO

Jpeg

Giuseppe Terminiello|Alvignano. Disagi e lamentele da parte dei cittadini a causa della scarsità della copertura delle reti mobili. In particolare diversi cittadini lamentano difficoltà a telefonare con il cellulare, perché in alcune zone la linea é pressoché inesistente.   Una situazione che taglia, allo stato attuale, una fetta della popolazione dalla modernità e dalla tecnologia di ultima generazione. Secondo un recente studio, sono 1200 i comuni, per lo più montani ma non solo, a non essere proprio raggiunti dalla rete. Sei milioni di italiani invece hanno difficoltà a vedere i canali Rai e tutto il bouquet televisivo. È quanto risulta da una prima indagine di Uncem, Unione nazionale dei Comuni, delle Comunità e degli Enti montani, che quindi ora lancia l’allarme e un appello, agli operatori e alla politica, perché si intervenga. Come rimediare? Secondo Uncem, lo Stato deve obbligare gli operatori privati ad ampliare le aree coperte. La copertura oggi misurata sul 95 per cento della popolazione (o superiore), non considera infatti che il 5 per cento restante vive nel 15 per cento del territorio del Paese. “Uncem è consapevole che il limite emissivo, tra i più contenuti in Europa, obbliga di fatto gli operatori a installare più impianti per coprire il territorio. Ma tutta l’Italia deve essere coperta”. In secondo luogo, propone Uncem, “AgCom deve permettere ai Comuni (o ai privati, imprese) che vogliono di acquistare ripetitori, installarli e inserirli sulla rete, cosa al momento possibile solo per le antenne tv e non per la telefonia. E che ci possano essere impianti (Bts) mobili anche in base a picchi di flusso turistico. Uncem ritiene questo fronte vada urgentemente percorso, proprio come avvenuto per la banda ultralarga: valutato che in molte aree gli operatori privati non investono, Bruxelles ha autorizzato l’uso di fondi comunitari per il Piano nazionale Bul”. Potrebbero, dunque, arrivare soluzioni per la risoluzione della vicenda da parte non solo degli operatori mobili ma anche degli attori istituzionali.

Informazioni su Redazione ()
Redazione di Casertasera.it Email: redazione@casertasera.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: