DISAGI PER LA PRESCRIZIONE DEI PANNOLONI UNA SIGNORA CI SCRIVE. IL DIRETTORE DEL DISTRETTO SI SCUSA E SPIEGA I MOTIVI

Gentile Direttore, le invio una sorta di diario  nel quale le racconto cio’ che mi è capitato questa mattina recandomi presso una struttura dell’Asl a Piedimonte Matese e i disagi che ho dovuto superare per una normale prescrizione .Il mio scopo è quello di rendere pubblico tutto cio’ affinche non abbiano piu’ a ripetersi situazioni come queste.

Ore 10:30 mi reco alla nuova sede ASL presso la Domus mea per un aggiornamento sulla distribuzione dei pannoloni con un invalido in macchina; trovo la salita sbarrata da un furgoncino. “signora non può salire, dovete parcheggiare qui e andare a piedi”. Scusate ma non posso lasciare questa persona da sola in macchina. “signora non possiamo fare niente”;  riporto l’invalido a casa e ritorno salendo a piedi e trovo il cancello chiuso; al CUP: scusi dove trovo la persona addetta alla fornitura pannoloni??? “signora, prima porta a sinistra” ; salve, chi è l’addetta alla fornitura pannoloni??? “signora dovete attendere, è in archivio”;

ore 11:15. Scusi, ma la signora è in riunione??? “no signora, provi in corridoio, prima porta a sinistra”; porta aperta nessuno a lavoro;

Busso alla porta accanto, dove c’era un cartello “fuori servizio” mi rispondono “prego”. Apro la porta e chiedo a due impiegati: scusate è qui per la fornitura dei pannoloni??? No signora dovete chiedere al CUP;

Ore 12:00. Al CUP. Scusate ma la signorina c’è o non c’è??? Si signora ma dovete attendere.

Ore 12-20 porta chiusa dell’ambulatorio di pneumologia, la signorina è a fare i colloqui;  ore 12:30. Entro e per fortuna risolvo il problema.

Mi domando e dico: ma è possibile che per un’ informazione mi ci sono volute due ore perché la signorina non si trovava???

È mai possibile che nessuno riesce a stampare un caxxo di foglio con orari e uffici o affiggere frecce direzionali??? Un invalido accompagnato oppure un paziente che deve fare terapia, può mai salire a piedi??? Può mai essere che nessuno ti sappia dare giuste informazioni su un piano di 7 stanze???

NON HO PAROLE, SIAMO TROPPO ROVINATI. DOV’È IL SIGN. DE LUCA E I SUOI SEGUACI??? Ovvio che non ci sono, loro non si curano a Piedimonte Matese. Che comprassero il terreno a sinistra del cancello d’uscita e facessero un parcheggio e mettessero a dirigere qualcuno con le p…e, se vogliono cominciare bene invece di tagliare solo nastri e poi sparire.  Le cose vanno fatte con umanità innanzitutto. Cordiali Saluti.

 Mariateresa Farina

La denuncia della signora Farina, abbiamo preferito girarla  al Direttore del Distretto Emilio Filetti, che ci ha risposto in merito, spiegando sinteticamente i motivi del disagio. “Credo che la prima cosa da fare sia quella di chiedere scusa alla signora per il disagio che ha subito ma è necessario spiegare le cose come stanno per tranquillizzare lei e altri utenti.Con la chiusura della struttura ex Inam siamo stati costretti-spiega il direttore Filetti –  a rivoluzionare l’organizzazione  per non peggiorare le cose. Sarebbe stato piu’ semplice per noi trasferire questi importanti servizi nei comuni limitrofi, come ad esempio, nel comune di Alife ma abbiamo voluto evitare tutto questo. Infatti, abbiamo fatto una gara che nel giro di un mese al massimo, ci consentirà di trasferire la  Riabilitazione presso l’Ospedale di Piedimonte Matese,  area auditorium, dove ci sarà piu’ facile accesso e nessun disagio subiranno i pazienti e i loro familiari in futuro. I motivi del disagio che la signora ha giustamente lamentato questa mattina, sono legati esclusivamente a questo stato di cose  che non potevamo evitare affatto”.

 

About Redazione (8891 Articles)
Redazione di Casertasera.it Email: redazione@casertasera.it

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: