“PIEDIMONTE MATESE V’IVA”, UN SUCCESSO, IL GRUPPO FACEBOOK NATO PER DAR VOCE ALLE PARTITE IVA. OLTRE 3.000 ISCRITTI IN POCHI GIORNI  

Fortuna Natale | Piedimonte Matese. In questi giorni difficili di attesa chiusi in casa in quarantena per l’emergenza Coronavirus sono diversi i gruppi nati sui social come piazze virtuali per avvicinare le persone, condividere pensieri, ansie, preoccupazioni e mettere in atto comportamenti virtuosi.

Piedimonte Matese V’IVA (P.IVA UNITI), nasce così, da un’idea di una nota imprenditrice piedimontese, Giovanna De Biasi (nella foto) , figlia d’arte, direttrice e responsabile di diversi Ateliers di moda, proprio a Piedimonte Matese, che dopo una notte insonne passata a pensare a cosa avrebbe potuto fare di buono per la categoria dei commercianti, i quali come lei, titolari di partite IVA, stanno vivendo giorni drammatici, crea un gruppo social sulla pagina Facebook che in poche settimane arriva ad avere più di tremila iscritti.

Le finalità, come scrive lei stessa in uno dei suoi primi post pubblicati sul gruppo, sono quelle “di unire le forze e mettere il governo centrale e quello regionale di fronte ad una situazione di emergenza insostenibile per le categorie dei commercianti che vedono giorno dopo giorno perdere il proprio capitale investito nel mercato con “zero garanzie” ma, soprattutto, per “essere insieme più forti e rendere la categoria dei commercianti, una volta usciti dall’emergenza Covid,  maggiormente protetta”.

L’invito di dare voce al grido di protesta di Giovanna De Biasi ha visto la partecipazione attiva di tanti commercianti della zona e non, liberi professionisti, operai e impiegati pubblici che nulla hanno a che fare con le partite IVA, ma che hanno voluto dare il proprio segno di adesione e solidarietà verso una categoria, quella dei commercianti che, in questo drammatico momento storico, non vede ancora nelle scelte del governo un’adeguata risposta. Intanto perché – ribadisce l’imprenditrice – “il popolo delle partite IVA non ha ferie pagate, non ha malattia pagata, non ha tredicesima, non ha quattordicesima” – “non ha potuto usufruire della cassa integrazione all’ 80% elargita dal governo per i mesi di marzo e di aprile prevista per le altre categorie di lavoro e perché i 600 euro trasferiti sul conto corrente dei commercianti non sono serviti nemmeno alle spese minime di pagamento delle bollette.

Ognuno degli iscritti al gruppo Facebook può e deve chiedersi: “cosa posso fare per poter cambiare le cose?” – La risposta dell’imprenditrice, Giovanna De Biasi, è quella che – “tutti devono e possono mettere a disposizione del gruppo le proprie competenze professionali per poter essere pronti, una volta usciti dall’ emergenza, a cambiare quello che è il senso della partita IVA, a ridare dignità al motore commerciale di un paese che ha visto, già prima dell’emergenza Covid, decine di attività commerciali e artigianali abbassare le saracinesche a causa di una profonda crisi economica. Tanti, infatti i cartelli di “Affittasi o Vendesi” sulle serrande dei locali commerciali di Piedimonte Matese ancor prima dell’arrivo del virus che hanno mortificato economicamente e socialmente una comunità. Il grido della fondatrice di Piedimonte V’IVA è quello di un serio cambio di passo per evitare una vera e propria “desertificazione commerciale” una volta usciti fuori dall’emergenza Covid.

Ad oggi ciò che è venuto fuori dalle migliaia di condivisioni che ogni giorno occupano la pagina Facebook di Piedimonte Matese V’IVA è stata la grande risposta di solidarietà dei cittadini piedimontesi che sono accorsi, attraverso gli appelli lanciati dalla  voce e dal grido di aiuto della fondatrice del gruppo, a far fronte alle concrete difficoltà di chi non ha avuto la possibilità, in questi giorni,  di mettere cibo sulla propria tavola, mettendo in moto una catena di solidarietà che ha coinvolto l’intera comunità. Perché tutti, abbiamo capito in  tempo di Coronavirus che c’è qualcosa di più contagioso del virus e questo qualcosa si chiama solidarietà!

About Redazione (9243 Articles)
Redazione di Casertasera.it Email: redazione@casertasera.it

1 Comment on “PIEDIMONTE MATESE V’IVA”, UN SUCCESSO, IL GRUPPO FACEBOOK NATO PER DAR VOCE ALLE PARTITE IVA. OLTRE 3.000 ISCRITTI IN POCHI GIORNI  

  1. Finalmente qualcuno che ha preso di pugno la situazione visto che confcommercio non ci rappresenta dobbiamo unirci e creare un associazione solo cosi possiamo farcela per far capire che questi pupazzi e burattini che senza i nostri versamenti sono spacciati percio devono tutelarsi e darci voce.Solo adesso si sono accorti che se si fermano gli imprenditori si ferma l economia in Italia.Cosa ne sanno loro delle nostre paure dei nostri investimenti delle nostre rotture di stock cosa possono saperne, sembrano coloro che ci guidano come un pilota che continua a guidare pur sapendo che deve mettere benzina e olio altrimenti il motore si ferma e si spacca ma vedo che sono sordi nel sentire che il motore si sta ingrippando.
    Quindi sono ben lieto se lei istituisce un associazione dove siamo tutti uniti con continui aggiornamenti e riunioni perche ricordiamoci che se ci riuniamo noi e la finiamo di fare i pecoroni tutto cambierà non dobbiamo avere paura di nessuno tutti abbiamo le famiglie i mutui i prestiti a fine mese la merce ferma pagata ma la cosa primaria ricordiamoci e la nostra unione basta a farci schiacciare da tasse inutili pressazioni futili siamo uniti e vedrete che ne vedremo di belle.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: