REGIONALI – LA NASCITA DI UN REPARTO PEDIATRICO ONCOLOGICO E IL REGISTRO DEI TUMORI FRA GLI OBIETTIVI DI ANTONELLA D’ALOIA

E’ entrata nel vivo la campagna elettorale per le prossime elezioni regionali in Campania in programma il 20 e 21 settembre. Polemiche e veleni sono al centro di quello che una volta era il vero dibattito politico. Questo non significa che tutti i candidati siano uguali. Antonella D’Aloia, ad esempio, candidata con “Campania Libera” di Vincenzo De Luca la sua campagna elettorale la sta facendo comunque ma con discrezione, con stile, con eleganza. Questo va detto anche a costo di essere tacciati di  parteggiare per lei. Cosi dovrebbe essere la politica: dibattito, “scontro”  verbale anche energico ma mai andare oltre. Noi abbiamo provato a sentirla per conoscere i suoi obiettivi “fuori dal coro” e come si muoverà sul  territorio in caso di elezione.

  • Dott.ssa D’Aloia Come nasce e quando l’idea di candidarsi alle prossime elezioni regionali in Campania?

“L’attenzione per la politica sia nazionale che locale è stata sempre una costante della mia vita; ritengo fondamentale l’impegno in politica  per poter dare un proprio contributo diretto al miglioramento della nostra società ; da donna, madre di tre figli, e professionista impegnata sul territorio vivo l’impegno politico come un DOVERE; questo è il sentimento che mi ha portato a candidarmi alla carica di consigliere comunale alle ultime elezioni nel mio paese, ove sono risultata essere la prima eletta della mia lista e la seconda in assoluto. Un risultato straordinario che mi ha caricato ancor di più del peso di una responsabilità quotidiana nei confronti dei miei elettori e dei miei concittadini tutti;ho sempre stimato ed apprezzato il Presidente Vincenzo De Luca, e da sempre sono di centro-sinistra; prima del Covid quando i sondaggi non erano cosi rosei , la mia area politica che fa riferimento all’on Giuseppe Fioroni ed all’europarlamentare Andrea Cozzolino, mi aveva già chiesto la disponibilità a candidarmi a sostegno del Presidente Vincenzo De Luca, ed io ho accettato, perché ritengo che in questi cinque anni si sia davvero compiuto un lavoro straordinario, e bisognava e bisogna  scendere in prima persona a testimoniarlo sui territori”.

  • L’alto casertano ha enormi potenzialità turistiche ma poco sfruttate , quale la sua ricetta ?

“L’alto casertano come tutte le aeree interne, vive anni di ritardo.
Un ritardo che potrebbe essere colmato per lo straordinario lavoro che uomini come Andrea Cozzolino hanno fatto a Bruxelles in questi anni, unito al grande lavoro del Presidente Vincenzo De Luca. Con l’approvazione a Strasburgo della proposta di regolamento sui fondi strutturali europei 2021-2027, presentata dall’europarlamentare Andrea Cozzolino (relatore per il Parlamento Europeo della riforma del Fondo Europeo  per lo Sviluppo Regionale  FESR) , l’Italia e le Regioni del Mezzogiorno incassano un ottimo risultato che consentirà di aver a disposizione nella nuova programmazione delle risorse europee circa 1,5 miliardi di euro destinati ai piccoli Comuni e alle aree interne.

Nei nuovi regolamenti comunitari sarà centrale la funzione dei piccoli comuni e delle aree interne. Lo straordinario lavoro fatto in Europa consente di recuperare uno storico ritardo : digitalizzazione, lotta alla povertà rilancio dei servizi pubblici, intreccio tra tutela ambientale e sviluppo agricolo, parchi ed aree protette;

fondamentale sarà la valorizzazione delle risorse naturali , culturali e del turismo sostenibile , come lo straordinario lavoro che sta facendo il Presidente del Parco Nazionale del Matese Avv. Vincenzo Girfatti; il rilancio dei sistemi agro-alimentari e dell’artigianato”.

  • Problema trasporto da Napoli a Piedimonte, che significa possibilità di fare turismo nel cuore del Matese. Un problema serio e decennale, cosa prevede per questo settore senza il quale il turismo non potrà mai decollare?

 “Il trasporto pubblico è un tema fondamentale per il rilancio del nostro territorio. L’EAV ha vissuto anni drammatici per i disastri della giunta CALDORO; il miracolo del risanamento aziendale, avvenuto per lo straordinario lavoro fatto dal Presidente Umberto De Gregorio, e dal Presidente Vincenzo De Luca, ha consentito di rilanciare l’azienda; l’assunzione di nuovo personale, e l’acquisto di nuovi treni che riguarda anche la nostra tratta ferroviaria Piedimonte Matese – Napoli, porterà ad avere un risultato tangibile del rilancio dei trasporti fra qualche anno. Con l’immissione delle nuove vetture, saremo in grado anche di abbattere i tempi di percorrenza. E’ importante ricordare che grazie al Presidente Vincenzo De Luca il trasporto pubblico in Campania è gratuito per gli studenti e questo lo ritengo un risultato straordinario”.

  • La sanità non ha colori politici, lei lo sa bene facendo parte del settore che è di tutti ed interessa a tutti. Che idea si è fatta ad esempio della polemica inutile sull’ospedale di Piedimonte Matese : DEA si , Dea No?

“ La Sanità è stata sempre una nota dolente della nostra Regione;
usciamo da un commissariamento, che ha richiesto sacrifici a tutti, e sicuramente anche a noi dell’alto casertano, forse a noi di più ;
è innegabile dire che il piano ospedaliero non abbia apportato dei tagli netti, e che ci siano stati richiesti enormi sacrifici;
anche qui il Presidente Vincenzo De Luca, con la logica del buon padre di famiglia ha cercato di chiedere a tutti noi dei “sacrifici temporanei” al fine di poter uscire dal commissariamento e tornare gradualmente a poter pensare un rilancio vero dei presidi ospedalieri ; ci vorrà del tempo, nessuno ha la bacchetta magica, e non bisogna illudere i cittadini che i risultati possano essere immediati, come le elezioni.

 – C’è stato un tema che nel corso della sua campagna elettorale, incontrando tante persone, che ricorre più spesso e che lei ritiene sia davvero un problema da affrontare seriamente ?

“ Si, il grave dramma di molti ambiti sociali, soprattutto nella gestione dei pagamenti degli assegni di cura, e dei servizi socio sanitari.
La Regione Campania, con l’assessore Lucia Fortini, aveva  tema dei disservizi provocati dalla difficile gestione degli ambiti sociali, soprattutto quando i comuni capofila sono in dissesto finanziario (come Piedimonte Matese), e si era iniziato a discutere seriamente della possibilità di sostituirli con le aziende speciali.
Sono anche nate timidamente alcune realtà come ad Atripalda, ed anche a Santa Maria Capua Vetere si era iniziato a muover qualcosa, in questo credo che la Regione debba spingere di più nei prossimi anni;
va aperto un dibattito vero sul mal funzionamento degli ambiti sociali e sulla loro gestione”.

  • Che cosa le ha insegnato finora , il ruolo di consigliere comunale che ricopre nella sua cittadina Dragoni ?

“Il ruolo di consigliera comunale mi ha insegnato che vivere la propria comunità all’interno della macchina amministrativa di rende cosciente di quanto sia difficile oggi amministrare i piccoli comuni e la necessità di avviare un serio confronto su forme associative tra comuni;
siedo tra i banchi della minoranza, ma ciò non toglie che in questi anni abbia avuto modo di comprendere ancor di più quanto il dimezzamento dei trasferimenti statali ci abbia penalizzato e quanto sia necessario pensare a delle forme associative tra comuni per la gestione dei servizi essenziali. Credo che sia un priorità per tutti i comuni sotti i diecimila abitanti”.

  • La domanda che non le abbiamo fatto e alla quale lei vorrebbe rispondere?

 “Se dovessi indicare delle priorità, tra le tante ovviamente che evoca il territorio della Provincia di Caserta, posso dire che sicuramente mi batterò con tutta me stessa per due punti questioni fondamentali

  • La nascita di un reparto pediatrico oncologico nella nostra Provincia ed un registro dei tumori che possa monitorare la casistica. Il collocamento di un vero e proprio polo di neuropsichiatria infantile che possa accelerare i tempi i tempi della diagnosi e migliorarle; è impensabile ed insostenibile il peso economico che oggi le famiglie di bambini disabili sono costrette a sostenere per essere seguite dignitosamente “.
  • Un suo messaggio , un vero telegramma , agli elettori

 “Che sia un voto libero da condizionamenti distorti, un voto che guardi al futuro delle prossime generazioni, dei nostri figli”.

 

About Lorenzo Applauso (2008 Articles)
Iscritto all'ordine nazionale dei giornalisti, già direttore e fondatore della testata giornalistica italianews24.net e attualmente alla direzione di Casertasera.it. Collaboratore di numerose testate nazionali e locali.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: