LA LETTERA – UN PAZIENTE CI SCRIVE: ” BUONA SANITA’ E SOLIDARIETA’, COSI SONO RINATO”

PIETRAVAIRANO|Gentile direttore, spero possa ospitare questa mia lettera perché essendo stato, purtroppo, vittima di una malattia,  vorrei sottolineare dopo averlo capito come non esiste solo la malasanità di cui si parla ogni giorno ma anche delle eccellenze alle quali va la mia personale  gratitudine.

LA STORIA

La mia storia di paziente, che sintetizzo, ebbe inizio il 16 novembre scorso, quando eseguo privatamente un tampone molecolare che diede esito positivo. Qui inizia il mio “calvario”: giorni pieni di paura, nottate insonne e il saturimetro  che diventa il mio “amico del cuore”, che mi indicava che la saturazione scendeva sempre di piu;

I giorni passavano e seguito dal  sindaco Marianna di Robbio che è anche un medico e dal dottore Gennaro Testa, sembrava che la crisi da covid stava per essere superata, invece,  tutto precipitò,  quando un fitto dolore all’ addome mi immobilizzò letteralmente.  Il servizio 118 mi soccorse e mi trasferì all’ospedale di Caserta. Qui, seguirono  visite e accertamenti che evidenziarono una perforazione di un organo che mi costrinse all’immediato  l’intervento chirurgico.

Mi svegliai dopo due giorni di intubazione e poi pian piano la ripresa. Grazie alla buona sanità, se oggi sono a casa con la mia famiglia a festeggiare il capodanno con la speranza di dimenticare presto la mia storia per fortuna finita bene, rispetto a tanti altri meno fortunati di me. Come non ringraziare i medici che mi hanno assistito con grandissima professionalità: tutta l’equipe del dr D’Agostino, compreso, ovviamente  infermieri e personale Oss della Chirurgia e Rianimazione e infine tutto il centro Covid con in testa il dr Massa con la loro costante assistenza, la Dottoressa Zarrillo che mi è stata vicino spiegandomi tutto cio’ che era successo e incoraggiandomi nei momenti difficili; Inutile sottolineare la mia gratitudine a tantissimi amici che mi sono stati vicini  e la grande forza che ho tratto dalla mia famiglia:  da mia moglie Paola e dai miei due bambini che avevo salutato quella drammatica mattina  del 23 novembre e che ho poi riabbracciato qualche giorno fa e con la quale,ovviamente,  festeggero’  il capodanno e la mia rinascita.Grazie dell’ospitalità.

 Vincenzo Angelone

About Redazione (9460 Articles)
Redazione di Casertasera.it Email: redazione@casertasera.it

1 Comment on LA LETTERA – UN PAZIENTE CI SCRIVE: ” BUONA SANITA’ E SOLIDARIETA’, COSI SONO RINATO”

  1. Auguri aEnzo , e speriamo che questi dottori non mollino mai , buon anno anche a loro .

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: