PIEDIMONTE MATESE, NEANCHE AL CIMITERO SI PUÒ STARE IN PACE, SEQUESTRATI CENTINAIA DI LOCULI

dig

Redazione. Piedimonte Matese. Dire che in questa città funziona quasi tutto male e molte cose finiscano nella  illegalità non è ormai un eufemismo. Se poi una delle poche cose che funzionano a Piedimonte viene messa a tacere dagli “eroi” di turno, ci si rende conto ancora di più che da queste parti c’è qualcosa che andrebbe cambiato, ma a monte, nella casa di chi avrebbe dovuto controllare che le cose dovevano essere fatte in un determinato modo, perché altrimenti a rimetterci sarà sempre e solo il malcapitato piedimontese di turno. Non solo i vivi, oltretutto, ma persino i morti. L’ultima questione riguarda le centinaia di loculi che sono stati posti sotto sequestro nell’ala nuova del cimitero comunale, con un provvedimento del codice di procedura penale, il numero 321, che ha disposto le transenne per le residenze perpetue di coloro che passano a miglior vita. Non c’è pace neanche lì a Piedimonte. E soprattutto non c’è pace per quelle povere persone che a volte hanno dovuto farsi un mutuo per acquistare la casa per il riposo eterno dei propri cari. È ovvio che chi ha preso questa drastica decisione non scende dalle nuvole perché i loculi non rispecchierebbero le misure previste per legge. In tutto questo, chi è previsto che doveva andare in quelle dimore, sia quelli momentaneamente alloggiati in loculi presi in prestito da amici o quelli che in futuro dovranno essere seppelliti, quanto tempo dovrà aspettare perché la vicenda appena iniziata giungerà al termine?

 

 

 

About Emiddio Bianchi (3862 Articles)
Vice Direttore di Casertasera.it. Ha collaborato con diverse testate giornalistiche e condotto, per molti anni, trasmissioni radio e tv.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: