CASTELPETROSO, RICADE OGGI L’ANNIVERSARIO DELL”APPARIZIONE DELLA VERGINE

Redazione. Castelpetroso. Era il giovedì che precedeva la Domenica delle Palme del 22 marzo del 1888. Fabiana Cicchino e Serafina Valentino, trentenni  di Guasto, una frazione di Castelpetroso, erano intente a coltivare un piccolo appezzamento di terreno insieme a due pecorelle. Quando Fabiana si accorse che una delle pecorelle si era smarrita, si mise alla sua ricerca. La ritrovò in prossimità di una luce, dalla quale proveniva una visione celeste: la Vergine con Cristo Morto, coperto di piaghe ai suoi piedi. Accorse sul luogo anche Serafina che però non riuscì a vedere nulla. Dieci giorni dopo, festività della Pasqua, l’apparizione si rinnovo ed entrambe le donne riuscirono a vedere la stessa scena. La notizia delle miracolose apparizioni si propagò con molta rapidità per il piccolo paese di Castelpetroso fino ad arrivare in tutti i paesi e le regioni vicine. Si racconta che anche il Vescovo di Bojano, Francesco Macarone Palmieri, ebbe la stessa visione. Da allora folle di fedeli sono state attratte dal luogo delle apparizioni. In quel luogo alle falde del Matese sorge adesso un maestoso santuario in devozione alla Madonna Addolorata di Castelpetroso, patrona del Molise. È la meta quotidiana di centinaia di fedeli. Da decenni partono da Castello del Matese numerosi pellegrini che attraversano a piedi la montagna per pregare in questo luogo sacro.

About Emiddio Bianchi (4193 Articles)
Vice Direttore di Casertasera.it. Ha collaborato con diverse testate giornalistiche e condotto, per molti anni, trasmissioni radio e tv.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: